Fondazione Carlo, Carolina, Bianca e Santina Zucchelli

Ente Morale promotore di Arte e Musica
che premia gli allievi di talento
di Accademia di Belle Arti e
Conservatorio di Musica
Giovan Battista Martini, in Bologna

Giovedì 13 maggio, dalle ore 11

ID Memento. Screening online

Giovedì 13 maggio a partire dalle ore 11, il sito della Fondazione Zucchelli trasmetterà – in prima visione – l'opera video realizzata da Massiel Leza durante la residenza presso il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, nell'ambito del progetto 13° Spazio, a cura di Federica Patti.

 

Massiel Leza, ID Memento, pittura digitale e video, 25.51 min, 2021.

Giovedì 13 maggio, on demand per 24 ore a partire dalle ore 11, sul sito della Fondazione Zucchelli sarà trasmesso in prima visione ID Memento, l'opera video realizzata da Massiel Leza durante la residenza all'interno del Nuovo Forno del Pane presso il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, nell'ambito del progetto 13° Spazio a cura di Federica Patti, volto a sostenere il percorso di un* giovane artista proveniente dall’Accademia di Belle Arti di Bologna e a promuovere la ricerca e la produzione dei linguaggi multimediali digitali nell’arte contemporanea.

Selezionata da una giuria presieduta da Lorenzo Balbi, Direttore Artistico del MAMbo, Massiel Leza (Madrid, 1990) ha sviluppato una ricerca sul tema dell'identità e del ritratto ai tempi di Internet, ponendosi una domanda: in che modo le tecnologie contemporanee condizionano la rappresentazione del sé? Lasciandosi guidare dall’intuito ma allo stesso tempo facendo proprio un procedimento formale tipico del metodo algoritmico, Leza sceglie i soggetti dei suoi ritratti in maniera del tutto casuale, attingendo unicamente ai dati trovati sui rispettivi profili social, per poi approfondire la loro conoscenza attraverso una serie di domande analoghe a quelle che si possono trovare nei moduli di iscrizione online.

Come afferma la curatrice Federica Patti, "ogni tappa di questa lenta esplorazione è marcata da un ritratto digitale low, realizzato questa volta a mano su tavoletta grafica, ogni volta con una restituzione estetica evanescente, nebulosa come l’apparizione di un ricordo lontano. Ispirandosi sia alla tradizione millenaria del ritratto tradizionale che alla poetica crossmediale di artisti quali Mario Klingermann e Zach Blass, la finalizzazione della ricerca artistica di Leza prevede la collaborazione con gli artisti LOREM e Kamilia Kard, per la declinazione del metodo e dei ritratti anche come morphing video e filtri Instagram".

Si ringraziano i partecipanti: Bibi Bellini, Cristina Principale , Giorgia Giò Resca , Imma Bacceliere, Janna Carioli , Luana Bastoni, Karin Andersen, Maila Quaglia, Maria Chiara Wang, Mario Ruffini, Massimiliano Martinelli, Neue Christopher Johnson , Osvaldo Panaro, Simona Larghetti, Tommaso Felicetti, Ugo Cornia, Valentina Orioli.

Il 13° Spazio è realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Bologna, con il sostegno della Fondazione Zchelli.

A sinistra, Massiel Leza, Autoritratto, 2019, acquerello digitale, stampa carta usomano, 180 x 140 cm. Courtesy l'artista. A destra, ritratto dell'artista. Photo: Luca Bolognese.

 

Fondazione Zucchelli Banner quinta prova definitivo

MAMbo | Nuovo Forno del Pane 

13° SPAZIO | 2020-2021

Il progetto il Nuovo Forno del Pane, con i suoi 12 spazi messi a disposizione di altrettanti giovani artisti all’interno della Sala delle Ciminiere del MAMbo, Museo d’Arte Moderna di Bologna, ha aperto la tredicesima opportunità di lavoro creativo condiviso.

L’iniziativa denominata 13° SPAZIO, è riservata a un’allieva dell'Accademia di Belle Arti di Bologna selezionata tramite un avviso pubblico, che si occupa di pratiche multimediali; si tratta di un progetto, curato da Federica Patti e sostenuto dalla Fondazione Zucchelli con un incentivo di euro 2.000,  rivolto a studenti e studentesse iscritti, all’atto della domanda, ai Corsi Biennali di Secondo Livello Specialistici o diplomati successivamente al 1° gennaio 2019.

Massiel Leza è l'artista selezionata da una giuria di esperti interni al MAMbo, presieduta da Lorenzo Balbi, Direttore Artistico del Museo, che, da settembre 2020 a metà febbraio 2021,  andrà a aggiungersi ai 12 artisti che già lavorano negli spazi del Nuovo Forno del Pane.

Il Nuovo Forno del Pane si propone di esplorare le relazioni che si genereranno in uno spazio condiviso anche grazie all'ideazione di un public program che metterà in contatto l’attività delle artiste e degli artisti con la realtà cittadina attraverso momenti di studio visit, dialoghi, open studio, restituzioni pubbliche delle opere prodotte e dei progetti portati a termine, incontri, lezioni e presentazioni, secondo le modalità consentite durante la fase post-emergenziale.

Logo Nuovo Forno del Pane

Palazzo Vizzani| Residenza d'artista

Alchemilla | 2021

Il programma di residenza e studio
di Zheng Ningyuan allievo di Accademia di Belle Arti di Bologna
gennaio-marzo 2021
Associazione Alchemilla | Palazzo Vizzani
Via Santo Stefano 43, Bologna

Zheng Ningyuan, Baolijin serie, 2019, courtesy l'artista.

Alchemilla presenta il nuovo programma di RESIDENZE-STUDIO, realizzato con il contributo della Fondazione Zucchelli e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Il progetto è proposto in collaborazione con l'artist run space Gelateria Sogni di Ghiaccio di Bologna e lo Espaço Mira di Porto, con il patrocinio del Quartiere Santo Stefano.

L’Associazione Alchemilla intende promuovere il talento di quattro giovani artisti, offrendo loro un luogo nel quale poter abitare, lavorare, sperimentare e creare nuove produzioni, anche in relazione con i saloni settecenteschi di Palazzo Vizzani, sede dell’associazione Alchemilla. Durante il periodo di residenza verranno creati dei momenti di confronto tra gli artisti ospitati, i critici e i formatori invitati che, nel rispetto delle misure di sicurezza contro la diffusione del Covid-19, avranno la possibilità di offrire uno sguardo esterno sulla produzione dei lavori.

Le prime due residenze della durata di due settimane ciascuna coinvolgono tre giovani performers: Elena Bastogi (Italia, 1995) la cui permanenza è pervista dal 25 ottobre al 7 novembre 2020, e le sorelle Anna Maria e Carminda Soares (Portogallo, 1993) che saranno presenti dal 25 ottobre al 7 dicembre. Durante la primavera del 2021 entrerà in residenza per due mesi l’artista visivo Zheng Ningyuan (Cina, 1989), che è stato selezionato dalla Fondazione Zucchelli in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Bologna e il MAMbo – Museo d’Arte Modena di Bologna.

Zheng Ningyuan (Cina, 1989) vive e lavora a Bologna. La sua esplorazione artistica è basata su due filoni principali: i movimenti sociali legati all'immigrazione in Italia e l'interazione tra Europa e Cina nel contesto della globalizzazione. La sua residenza restituirà un’immagine differente del suo paese d’origine, sfatando tabù e stereotipie, e portando alla luce il ricco tessuto culturale e relazionale degli immigrati cinesi che abitano il territorio italiano.
Nel 2017 ha fondato il collettivo WUXU a Bologna con il quale ha lanciato Project Prato (Program cross-field research program), il progetto è proseguito nel 2019 e 2020 con il workshop di urban walking intitolato Viaggio di Cristina, presentato al Seta Festival di Prato. Nel 2019 WUXU ha co-prodotto insieme a Cantieri Meticci il laboratorio teatrale Cantare Battendo sulla Scodella, mentre ha firmato a proprio nome il progetto Baolijin serie, che è stato presentato all’Home Festival, DAMSLab, Bologna (2018). Ha curato insieme al giovane storico Liu Jing Cinema and Movement’68, Art Museum of Nanjing University of Arts, Nanjing, Cina (2018), oltre a The Falconry, che ha partecipato al Second Biennal of Yinchuan, a cura di Marco Scotini (Yinchuan, Cina). Tra le collettive: AMNUA International Project III, Art Museum of Nanjing University of Arts, Nanjing, Cina (2018); TAKE ME I’M YOURS, Parcheggio soprelevato Giuriolo, Bologna, Italia (2018) e OPEN tour, Accademia delle Belle Arti di Bologna (2018).

Ci è gradito segnalare il lavoro di un artista proveniente dall'Accademia di Belle Arti di Bologna che ha trovato ispirazione dal connubio tra l'architettura del giardino delle arti di Fondazione Zucchelli e l'ascolto di uno dei Concerti estivi 2020.

 Michelangelo Mei, Il Giardino Italiano, 2020

Zu.Art giardino delle arti
Esposizioni, concerti, eventi culturali, feste private e aziendali
Vicolo Malgrado 3/2 | 40125 Bologna
Per informazioni e preventivi:
Telefono 0039 051 5870606
eventi.fondazionezucchelli@gmail.com

5X1000 alle attività artistiche e musicali dei vincitori delle Borse di Studio
di
 Fondazione Zucchelli, destinate agli allievi di
Accademia di Belle Arti e Conservatorio di Musica

Giovan Battista Martini, in Bologna
Codice Fiscale 80012630374